Bene comune

Il bando

Il Bando Storico - Artistico e Culturale della Fondazione CON IL SUD ha l’obiettivo di promuovere l’uso “comune” dei beni culturali delle regioni meridionali, permettendone una più ampia fruibilità da parte della collettività come strumento di coesione sociale.

Rispetto alle due precedenti edizioni, nel 2014 la Fondazione CON IL SUD ha deciso di adottare una procedura sperimentale, con due fasi distinte: un Invito per individuare i beni e il Bando vero e proprio per richiedere le proposte di progetto.

Nella prima fase, gli enti pubblici e privati proprietari di immobili di rilevanza storico - artistica e culturale inutilizzati sono stati invitati a manifestare il loro interesse a candidare il bene alla valutazione della Fondazione, proponendolo come luogo da valorizzare attraverso modalità che il territorio stesso sarà in grado di identificare.

Gli immobili proposti (221 candidature) sono stati valutati dalla Fondazione sulla base di specifici criteri come le condizioni generali, il potenziale utilizzo per attività socio-culturali economicamente sostenibili, l’accessibilità e la fruibilità. Ne sono stati selezionati 14, che accedono alla seconda fase: il Bando.

5 beni si trovano in Sicilia: Villa Manganelli (scheda>>) a Zafferana Etnea (CT), Chiesa della Madonna della Raccomandata (scheda>>) a Sciacca (AG), Castello di Federico II (scheda>>) a Giuliana (PA), Padiglione 10 (scheda>>) e Padiglione 20 (scheda>>) dei Cantieri culturali alla Zisa di Palermo; 7 in Puglia: Castello di Sannicandro di Bari (scheda>>), Chiesa e convento delle Olivetane (scheda>>) a Bitonto (BA), Bastione di San Giacomo (scheda>>) a Brindisi, Palazzo Amati (scheda>>) a Taranto, Convento dei Francescani Neri (scheda>>) a Specchia (LE), Palazzo Marchesale Belmonte Pignatelli (scheda>>) a Galatone (LE), Distilleria Nicola De Giorgi (scheda>>) a San Cesario di Lecce (LE); 2 in Campania: Palazzo Macchiarelli (scheda>>) a Montoro (AV), Palazzo di Paolo V (scheda>>) a Benevento.

L'11 maggio 2015 la Fondazione CON IL SUD,  ha pubblicato il Bando Storico - Artistico e Culturale, rivolto alle non profit del territorio per identificare le migliori proposte di interventi socio-culturali, economicamente sostenibili e capaci di favorirne la piena fruizione da parte della collettività.

Il 10 dicembre 2015 sono stati pubblicati gli esiti del bando, con la selezione di 7 progetti di valorizzazione di altrettanti beni inutilizzati.

2 progetti in Sicilia, recupereranno e animeranno i Padiglioni 10 e 20 dei Cantieri Culturali alla Zisa a Palermo. 3 progetti in Puglia: nel Salento saranno avviate 2 iniziative, nel Convento dei Francescani Neri di Specchia (Le) e nella Distilleria Nicola De Giorgi a San Cesareo di Lecce, mentre a Taranto sarà valorizzato Palazzo Amati. 2 progetti in Campania, restituiranno alle comunità locali Palazzo Paolo V a Benevento e Palazzo Machiavelli a Montoro (Av).

Gli interventi, che saranno sostenuti complessivamente con oltre 3,3 milioni di euro di risorse private (una media di 477 mila euro a progetto), coinvolgono nelle partnership 66 organizzazioni, tra università, associazioni, cooperative sociali, fondazioni, enti locali e imprese.

Grazie all’accordo che le Proprietà dei beni hanno stipulato con la Fondazione prima della pubblicazione del bando (senza conoscere preventivamente né le attività che sarebbero state realizzate nel bene, né chi le avrebbe promosse e senza poter essere coinvolte nelle partnership progettuali) gli enti pubblici proprietari dei beni hanno concesso al soggetto responsabile dell’iniziativa che sarà realizzata all’interno dello spazio, la disponibilità gratuita dell’immobile per un periodo di almeno 10 anni.

Attraverso le due precedenti edizioni del Bando, la Fondazione CON IL SUD ha sostenuto 21 progetti per la tutela e valorizzazione del patrimonio storico-artistico e culturale (beni materiali e immateriali), per un’erogazione complessiva di oltre 8 milioni di euro. 

Progetti selezionati >>

>> Visualizza i beni per Regione

BasilicataCalabriaCampaniaPugliaSardegnaSiciliaTutte

il bene torna comune...

da facebook

da instagram